Donazioni

Come diventate un donatore tutto l’anno

Donare un respiro è possibile
“Fare una donazione, anche piccola, vuol dire donare un respiro e donare un respiro vuol dire allungare la vita di chi è affetto dalla fibrosi cistica”.

“Donare è molto semplice.  “Con qualsiasi cifra, grande o piccola che sia, potrai aiutare i pazienti e le loro famiglie, migliorare l’assistenza, sostenere la ricerca scientifica perché risolva per sempre questa grave malattia.

I versamenti, intestati a Lega Italiana Fibrosi Cistica ONLUS, possono essere effettuati:

c/c postale 39629530
Intestato alla LEGA ITALIANA FIBROSI CISTICA – ONLUS

Intesa San Paolo S.p.A.
Piazzale di Porta Pia, 114 – 00198 Roma
IBAN: IT87 G030 6905 0421 0000 0003 919

Banca Prossima
IBAN: IT07 J033 5901 6001 0000 0017 372

Donazioni online
sul sito della Lega Italiana Fibrosi Cistica ONLUS

Come restare informati sulle nostre attività e sui nostri progetti

Essere ogni giorno vicino ai malati, alle loro famiglie e ai loro amici vuol dire affrontare con loro i problemi quotidiani. La Lega Italiana Fibrosi Cistica è con loro, ogni giorno. Se vuoi saperne di più visita il sito web: www.fibrosicistica.it

Diventare partner o grande donatore

Diventare una Impresa Partner della LIFC significa scegliere di sposare i nostri progetti:
il nostro personale ti aiuterà ad impostare una campagna di marketing sociale studiata in base alle esigenze e obiettivi strategici della tua impresa.

Diventare una Impresa Partner significa costruire un percorso di grande successo insieme.

Risparmio d’imposta

Il Decreto Lgs n°460 del 4/12/1997 art.13 c. a-1 consente le detrazioni d’imposta per donazioni liberali in denaro a favore delle Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS).
La nostra Associazione è una ONLUS e pertanto le donazioni fatte a suo favore garantiscono al donatore un risparmio d’imposta. Possono essere applicate, in alternativa, due normative e il donatore è libero di applicare quella a lui più conveniente. La prima consente di dedurre dal reddito complessivo sul quale saranno calcolate le imposte l’intera somma donata. È ammessa una deduzione massima pari al 10% del reddito complessivo e comunque non oltre i 70.000 euro. Tale normativa è applicabile sia alle persone fisiche sia alle imprese. La seconda consente alle persone fisiche di detrarre dall’IRPEF dovuta il 19% della somma donata. È ammessa una detrazione massima pari a 392,51 euro; alle imprese di dedurre dal reddito di impresa l’intera somma donata (è ammessa una detrazione massima pari al 2% del reddito di impresa e comunque non oltre i 2.065,83 euro). L’erogazione di denaro non può avvenire in contanti, ma tramite versamento postale o bonifico bancario o assegno.